Documenti richiesti

Procedure per la presentazione della denuncia di inizio attività di sala slot di cui l’art.86 del Tulps

L’attività può essere svolta se non sussistono cause ostative di cui gli artt.11,12,92 el TULPS n.773/1931, artt.1 e 3 L.1423/56 e art.10 L.575/65 (antimafia).
L’attività potrà essere iniziata a seguito della presentazione al Comune della D.I.A., comunicando anche la data di effettivo inizio.

Prima della presentazione della denuncia, la ditta dovrà provvedere a:

1. Richiedere al Comando Polizia locale la verifica della
sorvegliabilità di cui l’art.153 del regolamento TULPS,

2. Accertare la conformità urbanistica ed edilizia e la destinazione d’uso dei locali (agibilità)

3. Richiedere all’Azienda l’idoneità igienico- sanitaria dei locali;

4. produrre documentazione di impatto acustico ai sensi dell’art.8 della L.447/95 comprensiva anche delle attrezzature che si intendono installare e della previsione di rumorosità degli utenti;

5. Richiedere all’Ispettorato compartimentale dei Monopoli di
il nulla-osta previsto dall’art.86 comma 3° del TULPS se sono installati apparecchi o congegni automatici, semiautomatici ed elettronici da gioco.

6. L’inserimento di apparecchi di cui il comma 6 dell’art.110 del TULPS 773/1931 deve essere conforme alle norme vigenti (l’art.2 D.18.1.07 dispone che:

• il numero di tali apparecchi non può superare il doppio del
numero di apparecchi di tipologie diverse installati nel punto
vendita);

• nelle sale pubbliche da gioco è installabile un apparecchio di cui all’art.11° commi 6 e 7 ogni 5 mq. dell’area di vendita,
7. Gli apparecchi di cui all’art.110 comma 6 devono essere collocati in aree separate specificatamente indicate.

8. Per la detenzione di biliardi, deve essere prodotta certificazione tecnica che il locale sopporta il sovraccarico conseguente;

9. deve essere acquisito il certificato di prevenzione incendi
rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco quando la capienza del locale supera le 100 persone; per capienza inferiore, produrre attestazione di tecnico abilitato sul numero di persone ammissibili;

10. per il gioco delle “Freccette” deve essere garantita l’incolumità degli utenti, adottando tutti i necessari accorgimenti ed una idonea collocazione.

Con l’acquisizione dei predetti pareri e documenti, può essere presentata la Denuncia di inizio attività corredata dalla documentazione in essa prescritta. La D.I.A. va presentata in duplice copia all’Ufficio Protocollo del Comune ; la copia restituita con timbro di ricevuta costituisce titolo per iniziare l’attività.

Contemporaneamente, la tabella dei giochi proibiti del Questore dovrà essere ritirata presso l’Ufficio Attività Economiche.

Nelle sale di bigliardo deve essere costantemente tenuta a
disposizione dei giocatori la relativa tariffa.

In linea di massima, alla Denuncia Inzio attivita’ vanno allegati:

– elenco dei giochi e numero degli apparecchi suddivisi per tipologia installati nel locale e sottoscritto dal firmatario;

– planimetria in scala 1:100 o 1:200, in triplice copia, con indicata la superficie del locale, i locali accessori, gli accessi e le uscite di sicurezza, la capienza, l’eventuale certificazione di prova di solidità in caso di presenza di “biliardi”, l’individuazione dell’area specificatamente dedicata agli apparecchi di cui l’art.110 commi 6) dell’art.110 del TULPS, aree esterne di sosta e parcheggio;

– atto di disponibilità dei locali;

– certificazione di tecnico abilitato sulla capienza del locale;

– documentazione di impatto acustico;

– nel caso di società, copia atto costitutivo, statuto e certificazione antimafia per i soci;

– nel caso di cittadino extracomunitario, permesso di soggiorno;

Orari di apertura e chiusura della sala
NORMATIVA DI RIFERIMENTO SALE SLOT
86 e 110 TULPS 773/1931 e art.19 L. 7 agosto 1990, n.241.
Tutta la normativa a questo link.

N.B. REGOLAMENTI COMUNALI

E’ opportuno considerare l’ esistenza di regolamenti comunali che disciplinano l’avvio ed il funzionamento
delle sale slot. Ogni Comune ha un regolamento proprio.

Alcune amministrazioni comunali, ad esempio, prevedono una sala slot per 20.000 cittadini residenti, altre non consentono di aprire una Sala slot vicino a chiese, scuole, etc.

Potrete trovare anche online delle informazioni a riguardo digitando in Google il “nome del Comune e normativa sala slot”